Home

UNICORE

UNIversity COrridors for REfugees

Corridoi universitari per studenti rifugiati

Progetto che nasce per dare la possibilità a studenti rifugiati in Etiopia di proseguire il loro percorso accademico all’Università di Bologna.

Obiettivo del progetto UNI-CO-RE

Costruire corridoi universitari per studenti rifugiati che abbiano seguito un percorso di studio in Etiopia (corso di laurea di primo ciclo) e siano fortemente motivati a proseguire gli studi universitari

Il progetto pilota include 5 studenti rifugiati iscritti a corsi di Laurea magistrale in lingua inglese all’Università di Bologna (Campus di Bologna e Rimini) e  1  studente rifugiato iscritto a un corso di laurea magistrale in Finance presso l’ Università LUISS, Roma.

Le storie dei ragazzi

Sono giovani studenti, per certi versi esattamente come tanti altri coetanei con i quali ogni giorno condividono non solo le aule universitarie, ma anche progetti, aspirazioni per il futuro, difficoltà e paure. Allo stesso tempo il loro vissuto li ha resi, loro malgrado, speciali: Biniam, Awet, Hadish, Sami e Yohannes, sono cinque ragazzi scappati dalla dittatura in Eritrea che, grazie alla loro dedizione allo studio e al progetto UNI-CO-RE, potranno continuare la loro formazione universitaria presso l’ateneo più antico d’Occidente.

I cinque ragazzi sono infatti i primi a beneficiare dei nuovi corridoi universitari aperti dall’Università di Bologna, assieme ad un’importante rete di partner, che accoglierà studenti rifugiati già laureati alla triennale e che vogliano proseguire la propria carriera accademica nel capoluogo emiliano. Accolti da Er.Go., l’azienda regionale per il diritto allo studio, nelle proprie residenze universitarie, e seguiti da Next Generation Italy nelle pratiche burocratiche e nella vita quotidiana, ai ragazzi sono inoltre state assegnate delle famiglie ponte, per agevolare la loro integrazione nel loro nuovo paese e in città.  A fornire assistenza e aiuto sono inoltre anche l’Arcidiocesi, Federmanager, il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, Caritas Italiana, Gandhi Charity e Manageritalia Emilia-Romagna.

Gli studenti rifugiati sono stati  selezionati mediante un apposito bando.

Ma cosa studieranno, nello specifico, i cinque ragazzi di UNI-CO-RE all’Università di Bologna? Ingegneria elettronica, ingegneria meccanica, intelligenza artificiale ed economia delle risorse e dello sviluppo sostenibile. Percorsi difficili, non c’è dubbio, ma di certo questi studenti speciali hanno avuto modo di dimostrare che la loro determinazione e voglia di imparare possono portarli lontano. Letteralmente.

Benefici

I beneficiari del progetto UNI-CO-RE hanno ottenuto supporto per:

  • la preiscrizione presso l’Ambasciata d’Italia in Etiopia e le procedure di immigrazione (ottenimento di un titolo di viaggio e di un visto per motivi di studio);
  • la procedura di ammissione ai corsi di Laurea Magistrale dell’Università di Bologna;
  • l’integrazione nella vita universitaria e nella comunità locale.

I beneficiari del progetto UNI-CO-RE otterranno sostegno finanziario che consiste in:

  • 000 euro per le spese da affrontare prima dell’arrivo in Italia: biglietto aereo, visto e preparazione dei documenti di supporto;
  • 200 euro/mese che saranno pagati durante l’A.A. 2019/20 secondo criteri di merito
  • 200 euro che saranno pagati durante l’A.A. 2020/21 secondo criteri di merito.

Gli studenti sono inoltre assistiti nella presentazione delle domande per i benefici Er.Go. I documenti per dimostrare le condizioni economiche sono stati semplificati. Gli studenti hanno correttamente presentato le domande e sono collocati in posizioni utili nelle graduatorie per ricevere per gli A.A. 2019/20 e 2020/21:

  • una borsa di studio pari a 5.192,56 euro per anno accademico;
  • alloggio condiviso negli studentati Er.Go (il cui costo sarà detratto dalla borsa di studio);
  • servizi di ristorazione per 600 euro;
  • la riduzione totale delle tasse universitarie (in ogni caso gli studenti dovranno pagare 157,64 euro per tasse regionali, marca da bollo e assicurazione – gli importi potranno essere soggetti a variazioni- per gli A.A. 2019/20 e 2020/21);
  • l’eventuale rimborso della tassa regionale di 140 euro se verranno soddisfatti i requisiti di merito previsti;
  • il supporto di uno studente volontario (tutor) dello stesso corso di laurea per il primo anno.

I benefici UNI-CO-RE sono assegnati per gli A.A. 2019/20 e 2020/21. Sono previsti requisiti di merito per il mantenimento dei benefici.

Quali sono stati i requisiti per partecipare al bando UNI-CO-RE:

Studenti hanno potuto partecipare alla selezione se:

  • risiedevano in Etiopia e avevano ottenuto il riconoscimento dello status di rifugiato da parte di UNHCR;
  • erano in possesso o stavano per conseguire presso un’università in Etiopia una laurea di primo ciclo che consentisse la prosecuzione degli studi nel secondo ciclo. Il titolo di studio doveva essere ottenuto nel 2017, 2018 o entro luglio 2019 (calendario europeo);se erano interessati all’iscrizione a una laurea magistrale dell’Università di Bologna erogata in lingua inglese, non a numero programmato, nei campus di Bologna, Cesena, Forlì, Rimini.

con il contributo di_________________________________ realizzato da